Torrefazione caffè di alta qualitá - L'Alpina Luserna
  • Contacts












  • EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
    translate

    Torrefazione



    Il caffè giunge da paesi lontani: Messico, Guatemala, Costa Rica, Colombia, Brasile, Perù, Bolivia, Etiopia, India, Indonesia, Papua Nuova Guinea, Cuba, Giamaica, Nepal. Appena “sbarca” nella torrefazione è stoccato e preparato per la tostatura.
    L’Alpina è l’unica torrefazione che utilizza il metodo P/66; il caffè è tostato in piccole quantità in modo da garantire sempre la freschezza e la ricchezza dei profumi. Il chicco è poco cotto e la tostatura è personalizzabile al gusto del cliente. Per commercializzare i chicchi e la polvere di caffè si procede, dopo la tostatura e il raffreddamento, a proteggere il prodotto chiudendolo in sacchetti messi sotto vuoto.

    Metodi di lavorazione del caffè:

    Secco: il metodo di lavorazione “naturale”, il più antico, prevede l’essiccatura dei frutti di caffè al sole. Questi sono distesi su grandi superfici e girati, anche per più settimane, per farli asciugare in modo omogeneo fino a quando i semi si staccano dalla polpa ormai seccata.La lavorazione a secco rende al chicco un sapore più dolce grazie al transito dello zucchero dalla polpa all’interno del chicco. Questo tipo di lavorazione si addice in modo particolare alla preparazione del caffè per espresso.

    Umido: il frutto è lavato in acqua corrente, poi si procede alla separazione della scorza e della polpa. Il chicco di caffè è essiccato al sole nel suo pergamino da cui viene in seguito liberato meccanicamente. Il chicco lavato ha un sentore più fruttato.Semi umido: si elimina la pelle del frutto con l’acqua; il chicco con la polpa è subito messo ad asciugare al sole.Le differenze di gusto dovute alla lavorazione a secco o a umido si percepiscono solo dopo la tostatura.

    << Back

      L'Alpina - P.I. 09007980015 - Powered by: Studio Lomax, Copyright 2020 - Policies

    Versione Internazionale